GDPR la nuova normativa europea sulla privacy a poco più di c’è ancora l’opportunità di adeguarsi

 

Insert alt text here

GDPR la nuova normativa Europea sulla Privacy    

Per adeguarsi mancano solo
 
Insert alt text here

 Cosa possiamo fare per voi?    
Al fine di facilitare ai propri Clienti l’adeguamento ai nuovi regolamenti, INFOR ha stretto una collaborazione con una Primaria Società di Consulenza specializzata in materia, che unita alle nostre conoscenze del Vostro sistema informatico, consentono una rapida ed economica esecuzione di tutto l’iter burocratico, fornendo una PERIZIA CERTIFICATA da un Legale specializzato e protetta da una COPERTURA ASSICURATIVA. 

  Per maggiori informazioni clicca qui

A poco più di c’è ancora l’opportunità di adeguarsi

Capitolo 2

Il Garante ha dato precise indicazioni; le priorità operative sono tre:

·       La designazione in tempi stretti del Responsabile della protezione dei dati;

·       L’istituzione del Registro delle attività di trattamento;

·       La notifica dei data breach (violazione dei dati)

Il principio di “responsabilizzazione”

Vi sono altri importanti elementi di novità. E’, infatti, stata introdotta la responsabilizzazione dei titolari del trattamento (accountability) e un approccio che tenga in maggior considerazione i rischi che un determinato trattamento di dati personali può comportare per i diritti e le libertà degli interessati. Questo nuovo diritto faciliterà il passaggio da un provider di servizi all’altro, agevolando la creazione di nuovi servizi, in linea con la strategia del Mercato Unico Digitale.

 

Data breach (violazione dei dati)

Il titolare del trattamento dovrà comunicare eventuali violazioni dei dati personali al Garante. Rispondere in modo efficace a un data breach richiede un approccio multidisciplinare ed integrato e una maggiore cooperazione a livello Ue. L’attuale approccio presenta numerose falle che vanno corrette. Non è semplice ma occorre farlo per non perdere l’occasione fornita dal GDPR. Il primo adempimento da porre in essere per le imprese italiane è senz’altro l’adozione del Registro dei trattamenti di dati personali, ma prima ancora che alle beghe burocratiche, l’azienda deve comprendere l’importanza e il valore dei dati, nonché agli ingenti danni economici legati a una perdita di informazione se la violazione dei dati rappresenta una minaccia per i diritti e le libertà delle persone:

Il titolare dovrà informare in modo chiaro, semplice e immediato anche tutti gli interessati e offrire indicazioni su come intende limitare i danni;

Potrà decidere di non informare gli interessati se riterrà che la violazione non comporti un rischio elevato per i loro diritti oppure se dimostrerà di avere già adottato misure di sicurezza; oppure, infine, nell’eventualità in cui informare gli interessati potrebbe comportare uno sforzo sproporzionato al rischio. In questo ultimo caso è dovrà provvedere con una comunicazione pubblica;

L’Autorità Garante potrà comunque imporre al titolare del trattamento di informare gli interessati sulla base di una propria valutazione dei rischi correlati alla violazione commessa.

Le responsabilità e le sanzioni per le aziende

Ci sono diverse fattispecie e si va da una mera diffida amministrativa a sanzioni fino a 20 milioni di euro.

segue nella prossima newsletter ……. 

Insert alt text here
 
 
Insert alt text here
INFOR Via San Martino del Carso n° 6 25025 Manerbio (BS) tel: 030 99 37 107 mail: infor@infor.it  www.infor.it
 

Torna all'elenco News